Enti associativi: modello Eas entro fine marzo

Gli enti associativi che usufruiscono di una o più agevolazioni contenute nell’art. 148 del Tuir e di quelle di cui all’art. 4, comma 4, secondo periodo e 6, D.P.R. 633/1972 hanno l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate il Modello Eas relativo ai dati e alle notizie rilevanti ai fini fiscali. Le agevolazioni in parola sono riferite alla non imponibilità ai fini delle imposte sui redditi e dell’Iva dei corrispettivi, quote e contributi percepiti.

Il modello Eas deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica.

Il modello va presentato entro 60 giorni dalla costituzione dell’associazione o entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata una variazione dei dati, o entro 60 giorni dalla perdita dei requisiti che sono previsti dalla normativa tributaria.

L’Eas serve all’Amministrazione Finanziaria per acquisire una più ampia conoscenza del mondo delle associazioni ed anche per contrastare l’uso distorto dello strumento associazionistico.

Non tutte le modifiche comportano la ripresentazione; non è obbligatorio ripresentare il modello se la variazione riguarda i seguenti dati:

– proventi per attività di sponsorizzazione o pubblicità;
– messaggi pubblicitari per la diffusione di beni e servizi;
– ammontare medio delle entrate complessive;
– numero degli associati dell’ente nell’ultimo esercizio;
– erogazioni liberali ricevute;
– contributi pubblici ricevuti;
– numero e giorni delle manifestazioni di raccolta pubblica di fondi.

Sono esonerate dall’invio del modello le associazioni di volontariato regolarmente iscritte ai registri del volontariato, che svolgono solo attività istituzionali, le associazioni pro-loco che hanno optato per il regime previsto dalla L. 398/1991, le associazioni sportive dilettantistiche in possesso dell’iscrizione al Registro telematico delle associazioni sportive rilasciato dal Coni con certificato in corso di validità e non svolgenti attività commerciale.

Lo Studio ringrazia per l’attenzione riservatagli e rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento

Distinti saluti

Dott.ssa Balduzzi Catia

 



Lascia una risposta