Il nuovo tracciato dati per la fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica: il nuovo tracciato dati XML da utilizzare dal primo gennaio 2021

Dal primo gennaio 2021 cambia il tracciato telematico della fattura elettronica.
Le modifiche più significative al tracciato XML riguardano i codici di tipo documento e quelli relativi alla natura dell’operazione (codici da utilizzare quando la fattura non riporta l’addebito dell’imposta).
I tipi documento individuati dalle specifiche tecniche sono di seguito riepilogati (il dettaglio è consultabile cliccando sul seguente link: tipo documento.pdf).

È da porre particolare attenzione all’utilizzo del tipo documento TD01 – Fattura immediata (da emettersi entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione) e del tipo documento TD24 – Fattura differita (da emettersi entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione).
Relativamente ai codici natura l’Agenzia delle Entrate ha previsto la suddivisione dettagliata dei codici N2, N3 e N6 seguendo lo schema dei righi contenuti nella dichiarazione annuale IVA. Il dettaglio di tutti i codici natura previsti è consultabile al seguente link (codice natura.pdf)
Per approfondimenti si rimanda alle specifiche tecniche rilasciate dall‘Agenzia delle Entrate, avendo cura di verificare di consultare l’ultima versione (attualmente la 1.6, ma in continua evoluzione).

Si raccomanda di contattare, ove necessario, i fornitori di software per sincerarsi che siano conformi alle nuove specifiche tecniche.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni chiarimento necessario.
Cordiali saluti
dott.ssa Silvia Santorum



Lascia un commento