La lotteria degli scontrini e l’obbligo di aggiornare il registratore di cassa

La lotteria degli scontrini – obblighi di aggiornamento del registratore di cassa

La nuova lotteria degli scontrini prenderà avvio dal 1° gennaio 2021.
Si rammenta, a tal proposito che risultano totalmente esclusi i pagamenti in contanti; potranno partecipare all’estrazione soltanto i contribuenti che effettuano i pagamenti con strumenti tracciabili.
Alle lotteria partecipano non soltanto i consumatori ma anche i venditori che trasmettono telematicamente i corrispettivi. Il biglietto vincente per il consumatore determinerà automaticamente anche la vincita per l’esercente.
In particolare, per gli esercenti sono previsti i seguenti premi:

  • per le estrazioni settimanali, 15 premi da 5.000 euro ciascuno
  • per le estrazioni mensili, 10 premi da 20.000 euro ciascuno
  • per l’estrazione annuale, un premio da 1.000.000 di euro.

Ai fini della partecipazione alla lotteria l’esercente dovrà preliminarmente:

  • verificare, con il proprio fornitore del registratore telematico, che il software sia aggiornato per poter memorizzare e trasmettere i dati della lotteria;
  • consentire ai propri clienti di pagare con modalità elettronica e collegare il registratore telematico con il sistema di pagamento elettronico;
  • dotarsi di un lettore di codici a barre per poter registrare in automatico e senza errori il codice lotteria che verrà mostrato dal cliente.

Successivamente, prima di emettere lo scontrino, l’esercente dovrà memorizzare il “codice lotteria” che il cliente mostra al momento dell’acquisto di importo pari o superiore a 1 euro. Su quest’ultimo, pertanto, dovrà essere riportato sia il codice lotteria del cliente che l’evidenza dell’importo pagato in elettronico. Il registratore di cassa provvederà poi automaticamente a trasmette i dati al sistema della lotteria. Posto quanto sopra, va quindi aggiornato il proprio registratore di cassa; per approfondimenti in merito si invita a consultare l’apposita guida.

Si ricorda anche che, scade il 1° gennaio 2021 il maggior termine di sei mesi concesso dal Decreto “Rilancio” per provvedere all’acquisto e attivazione dei nuovi registratori telematici in grado di memorizzare e trasmettere on line i dati dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate. Gli esercenti interessati dall’adempimento possono accedere allo specifico credito d’imposta, concesso nella misura del 50% fino a 250 euro, per l’acquisto dei nuovi apparecchi o l’adeguamento di quelli già in uso, a condizione però che la spesa sia sostenuta entro il prossimo 31 dicembre.
A partire dai corrispettivi effettuati dal 1° gennaio 2021, pertanto, la possibilità di utilizzare la “procedura transitoria” di invio dei dati dei corrispettivi giornalieri entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, è preclusa per tutti i soggetti che non rientrano in una delle predette categorie di esonero. Gli esercenti dovranno:

  • dotarsi dell’apposito strumento tecnologico, individuato con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 182017 del 28 ottobre 2016, denominato appunto “Registratore Telematico”;
  • adattare tecnologicamente il registratore di cassa di vecchia generazione già in uso.

Si ricorda che l’Agenzia delle Entrate ha previsto anche una procedura web alternativa all’utilizzo del Registratore Telematico disponibile gratuitamente nel portale “Fatture e corrispettivi”. Nella pratica, tuttavia, tale modalità è scarsamente attuabile e potrà essere applicata solo da contribuenti con bassissima frequenza di operazioni.

Nel rimanere a disposizione, si porgono cordiali saluti

Dott.ssa Catia Balduzzi



Lascia un commento