Vendite di liquidazione e promozione adempimenti generali

Le vendite presentate al pubblico come occasioni particolarmente favorevoli per gli acquirenti possono essere effettuate lungo l’arco dell’anno. Di seguito si sintetizzano le modalità di effettuazione delle vendite oggetto di “sconto o ribasso”, partendo dalla definizione delle diverse tipologie di vendite. Si ricorda in primis che la merce non soggetta a sconto deve essere separata in modo chiaro da quella eventualmente offerta in vendita alle condizioni ordinarie.

Sono previste tre varietà di vendite:

Vendita particolarmente favorevole: rientrano in tale tipologia i saldi, le vendite di fine stagione, le vendite speciali, straordinarie, di realizzo, di rimanenze di magazzino e tutte le altre vendite presentate come occasioni particolarmente favorevoli per gli acquirenti, con esclusione di quelle promozionali e di liquidazione. E’ previsto l’obbligo di comunicazione alla Camera di Commercio e al Comune competente per territorio. La durata massima è di 60 giorni per ogni singola iniziativa, con interruzione di almeno 30 giorni fra l’una e l’altra.

Vendita di liquidazione: rientrano le vendite effettuate solamente in casi specifici, quali ad esempio chiusura definitiva dell’attività commerciale, cessione od affitto d’azienda, trasferimento di sede dell’azienda, lavori di ristrutturazione che comportino la chiusura dell’esercizio per almeno 15 giorni. E’ previsto l’obbligo di comunicazione con le stesse modalità del paragrafo sopra. Alla comunicazione devono essere allegati l’inventario dettagliato e la copia della comunicazione presentata al Comune di cessazione dell’attività. Le vendite di liquidazione possono essere effettuate solamente per un unico periodo con riferimento alla motivazione evidenziata.

Vendita promozionale: rientrano le iniziative di vendita che prevedono obbligatoriamente l’utilizzo del termine “vendita promozionale”, senza l’aggiunta di altre formule di richiamo per il consumatore. Questa tipologia di vendita non prevede alcun obbligo di comunicazione e non è soggetta a limitazioni temporali.

Obblighi pubblicitari e prezzi:

Sulle vetrine dell’esercizio commerciale e nel testo pubblicitario presentato in altro modo al pubblico, come manifesti, giornali, radio, ecc: per tutta la durata della manifestazione devono essere esposti in modo ben visibile al pubblico, i seguenti elementi:

  • frase pubblicitaria utilizzata;
  • articoli oggetto della vendita;
  • prezzi  con l’importo e la percentuale minima e massima dello sconto  rispetto ai prezzi più bassi praticati nei 30 giorni precedenti la manifestazione pubblicitaria;
  • data della comunicazione inviata alla camera di commercio e al Comune competente per territorio;
  • durata della vendita

Inoltre sugli articoli posti in vendita per tutta la durata della manifestazione devono essere esposti in modo ben visibile al pubblico, i seguenti elementi:

  •  prezzo iniziale;
  •  entità o percentuale dello sconto o ribasso;
  •  nuovo prezzo finale di vendita.

Si rimane a disposizione per chiarimenti

Cordialità

Dott.ssa Balduzzi Catia



Lascia una risposta