Nuove misure urgenti relative all’emergenza

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti relative all’emergenza epidemiologica da COVID-19. Fatte salve le misure già previste e ancora in vigore dalle ordinanze e delibere della Giunta per la provincia di Trento, di seguito si riassumono le principali novità: Dall’entrata in vigore del decreto, ovvero dalla data odierna, il divieto di spostamenti dovuti a motivi diversi da quelli di lavoro, necessità o salute (cosiddetto coprifuoco), attualmente previsto dalle ore 22.00 alle 5.00, sarà ridotto … Continua a leggere

Obbligo di segnalazione dei contributi pubblici – anche per le associazioni

Con la presente si rammenta in sintesi la normativa relativa all’obbligo di segnalare i contributi pubblici ogni anno. Infatti la L. 124/2017 stabilisce l’obbligo, per i soggetti destinatari, di fornire le informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria percepiti dalle pubbliche Amministrazioni nell’esercizio precedente. Soglia: La norma dispone che l’obbligo di informativa non si applica dove l’importo delle erogazioni pubbliche percepite dal … Continua a leggere

Comunicazione indirizzo PEC entro l’1 ottobre 2020 presso la camera di commercio

Con la presente si rende nota la comunicazione della camera di commercio di Trento di settembre 2020. La stessa raccomanda a tutte le imprese iscritte in camera di commercio, che non avessero ancora comunicato il proprio indirizzo PEC, o il cui domicilio digitale sia stato cancellato d’ufficio, o con domicilio digitale inattivo, di regolarizzare la propria posizione con la relativa comunicazione al Registro delle Imprese competente per territorio entro il 1 ottobre 2020. La mancata comunicazione comporterà l’assegnazione d’ufficio di un nuovo e … Continua a leggere

Riduzione del 50% Imis – domande entro il 30 Settembre 2020

L’art. 1 della legge provinciale n. 6 del 6 agosto 2020 ha introdotto, ai fini Imis, una agevolazione per l’anno 2020 che prevede la riduzione del 50% dell’imponibile Imis, senza possibilità di cumulo con le altre agevolazioni presenti nel medesimo comma alla lettera a (fabbricati di interesse storico e artistico) e b (fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati). La riduzione riguarda i fabbricati classificati nella categoria catastale D/2 e quelli iscritti in qualsiasi categoria del catasto … Continua a leggere

Contributi a fondo perduto della Provincia: sistemi di identità digitale

In relazione alla richiesta di contributi a fondo perduto della Provincia di Trento di cui alla nostra Newsletter del 25 maggio, cui si rimanda, si ritiene di evidenziare quanto segue. È possibile presentare una sola domanda di contributo, anche attraverso un delegato, dall’11 giugno al 31 luglio 2020. Lo Studio sta ultimando le verifiche di possesso dei requisiti per tutti i propri clienti. Se si desidera presentare la domanda direttamente come contribuente, senza l’ausilio dello Studio, è necessario possedere i … Continua a leggere

Detrazioni fiscali: interventi di recupero edilizio

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato quest’anno la guida relativa agli interventi di recupero edilizio per i quali è possibile fruire delle detrazioni fiscali, scaricabile presso il seguente link: Guida Agenzia.  Nel caso in cui un contribuente fosse intenzionato ad effettuare un intervento oggetto di agevolazione, si consiglia di contattare lo Studio, per evitare di scoprire “tardi” di non poter utilizzare la detrazione. Lo Studio può offrire un supporto al fine di valutare la convenienza e la fruibilità di tale strumento. In particolare si suggerisce … Continua a leggere

Lavoratori italiani all’estero e la doppia tassazione

Non sempre è agevole individuare immediatamente quale sia il sistema di tassazione applicabile per i redditi percepiti all’estero da cittadini italiani. Infatti è necessario effettuare una serie di considerazioni per riuscire a stabilire come e dove dichiarare i redditi e versare le imposte. In primo luogo, ad esempio, è necessario stabilire dove un cittadino è tenuto a pagare le imposte sui redditi percepiti occorre considerare il concetto di “residenza fiscale”. Risulta da considerare inoltre che l’Italia ha stipulato con molti Paesi Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni … Continua a leggere

Sismabonus: gli Interventi antisismici e la detrazione fiscale

Si rammenta che per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 è stata introdotta una detrazione di imposta del 50%, fruibile in cinque rate annuali di pari importo, per le spese sostenute per l’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti non solo nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) ma anche a quelli situati nelle zone a minor rischio (zona sismica 3), per un importo complessivo pari a 96.000 euro per unità … Continua a leggere

Spese mediche: come detrarsi tali spese

Per le spese sanitarie è riconosciuta una detrazione dall’Irpef di una percentuale della spesa sostenuta (19%) per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro (la cosiddetta franchigia). In questo senso si segnala la nuova guida dell’agenzia delle entrate che indica le modalità di detrazione di tali spese evidenziando le diverse tipologie di spese sanitarie che è possibile riportare nella propria dichiarazione dei redditi per usufruire della detrazione. Lo Studio rimane a disposizione per chiarimenti in merito Dott.ssa Catia Balduzzi  

L’importanza della convocazione dell’assemblea per le società di capitali

LA CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLA PER L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO: è differente in dipendenza dalla forma assunta dalla società. Di seguito si delineano brevemente le diverse modalità di convocazione dell’assemblea. S.p.a. ed alle S.a.p.a.: l’art. 2366 c.c. dispone che l’assemblea è convocata dall’amministratore unico, dal consiglio di amministrazione o dal consiglio di gestione mediante avviso che deve contenere l’indicazione del giorno, dell’ora e del luogo dell’adunanza e l’elenco delle materie da trattare (ordine del giorno). L’avviso deve essere pubblicato almeno 15 giorni prima … Continua a leggere